venerdì 3 gennaio 2014

Lucio

Sono ancora legata al parto..ho sprazzi di immagini che compaiono quotidianamente ai miei occhi..
Sorrido quando ripenso a quei momenti..perchè vorrei riviverli e risentire quelle emozioni così forti e intense..quella comunicazione forte che ho avuto con mio figlio che a poco a poco scendeva dal mio ventre..
Ho cantato  la lettera a, vocalizzandola in tutti i modi..mi guidava e mi faceva distrarre dal dolore che provavo e Lucio mi guidava in quel viaggio senza ritorno...
Riuscivo solamente a stare a gattoni, era la posizione che mi permetteva di essere tranquilla e rilassata..accoglievo le onde e le lasciavo andare assecondando il dolore e non ripudiandolo..sapevo che serviva e che come soffrivo io anche Lui stava facendo un grande sforzo per venire alla luce..
Il mio Lui mi dava forza e fiducia e obbediva a comando ad ogni tipo di necessità avessi bisogno.
Ho fatto anche una doccia , (durata per me pochissimo ma per chi mi assisteva un'ora abbondantissima) dove il getto dell'acqua bollente alleviava i dolori di schiena..il mini bagno era illuminato dalla luce di una luna piena bellissima che mi ricordava che a poco a poco sarei diventata madre ..osservavo la pancia , sapendo che presto non l'avrei più sentita ma avrei sentito mio figlio..
La casa a lume di candela..molto buio, tanto silenzio..solo le mie vocalizzazioni..e le ostetriche che mi davano forza solo dandomi la mano o sussurrando parole dolci e confortanti.
Ricordo il dolore..ma non lo ricordo con una percezione negativa..lo ricordo come qualche cosa che per la prima volta nella mia vita ha fatto in modo che io tagliassi i ponti con l'esterno ..un dolore che non mi ha concesso di pensare, parlare..ma che mi ha condotto in un tunnel di trans e di istinto arcaico..
Mi son sentita donna, mi son sentita piena, avvolta..poi di punto in bianco i miei dolori son spariti..e sono incominciate le spinte..quelle su cui devi cavalcare e tirare fuori tutta la forza che puoi avere...
chiamavo Lucio, lo chiamavo e stringevo le mani del mio Lui fortissimo...Sul letto dopo poco c'era mio figlio che ha sibilato un gemito e che si è fatto riconoscere con un sorriso immenso e i suoi occhi così penetranti mi hanno scalfito l'animo e mi hanno fatto sentire qualche cosa di indescrivibile...emozioni che si abbracciavano e si scontravano..
siamo rimasti insieme dal primo istante senza che nessuno invadesse il nostro momento...Lui piangeva di gioia...sapeva di essere padre di aver lavorato insieme a noi...e alla fine..alle 5 del mattino eravamo soli in tre dentro al letto..con un cucciolo non peloso tra di noi..con ancora il profumo dei nove mesi che lo avevano generato..
Il nostro parto è stato un miracolo, un mistero, qualche cosa di unico e purtroppo irripetibile...e dove anche io sono stata unica e irripetibile..
Vorrei tanto poterlo rivivere..ma so che mi devo presto o tardi staccare da quel momento per poter vivere appieno mio figlio...
Ho solo un pochino di nostalgia..
Lucio è venuto alla luce il 17 dicembre alle due di notte..e il giorno dopo un sole fortissimo ci ha svegliato facendoci rendere conto di quanto sia bella la vita...
Buon anno a tutti!!

1 commento:

Francesca Fo ha detto...

Che meraviglia! Benvenuto Lucio! ! !