lunedì 16 aprile 2012

I germogli : una saccocciata di vitamine

Ormai li faccio spesso..ed oltre ad essere appetitosi...sono ricchissimi di vitamine , di ferro...
facili da fare in casa..e bellissimi da osservare mentre crescono...sono i germogli li conoscete?
"Col termine "germogli"  ci si  riferisce ai semi germogliati di cereali, legumi ed altre specie vegetali di cui si utilizza tutto: chicco e germoglio.
I Germogli costituiscono un esempio della straordinaria capacità della Natura di produrre energia, capacità che può essere sfruttata da ogni consumatore per procurarsi a basso costo cibi freschi, ricchi di principi nutritivi come vitamine, enzimi ed oligoelementi, e di facile digestione.
Fin dall'antichità molti popoli utilizzavano quale cibo rigeneratore e terapeutico i grani germinati e i germogli sviluppati e ne hanno tramandato l'uso. Già nel "Pen Tsao" o "Grande Erbario della Medicina Cinese", circa 2700 anni a.C., il germoglio crudo di soia veniva raccomandato per edemi, dolori alle ginocchia, crampi, disturbi digestivi, polmoni "deboli", macchie sulla pelle e malattie del cuoio capelluto. i germogli sono una vera miniera di principi nutrizionali che, soprattutto in questa epoca sovrabbondante di cibi raffinati, sterilizzati, pieni di additivi di ogni genere, costituiscono un fattore di prevenzione e di difesa dei processi vitali dell'organismo. Se consideriamo che il mantenimento ed il potenziamento delle difese naturali dell'organismo, e quindi la difesa e il miglioramento della salute, richiedono innanzitutto un'alimentazione equilibrata e ricca di vegetali freschi e genuini, comprendiamo bene quale importanza abbia il consumo di germogli di semi di vario tipo, quali cereali e leguminose, naturalmente provenienti da coltivazioni biologiche.I semi di cereali o legumi allo stato crudo sono immangiabili ed indigesti; essi quindi devono essere cotti per renderli commestibili ed assimilabili: il calore, infatti, trasforma gli amidi in carboidrati più semplici, le proteine in frammenti più solubili, e così è possibile utilizzarli per la nostra alimentazione. Con il calore però, la "vita" che è presente allo stato latente nel seme, scompare: infatti, un seme dopo la cottura non è più capace di germogliare. 

Invece la germogliazione permette di mangiare crudi quegli stessi semi, fornendo cibi ricchi, vitali e nutrienti, in cui l'energia "potenziale" contenuta nel seme si libera e si trasforma in energia assimilabile dall'organismo.
Il germoglio infatti costituisce un alimento fresco, che si presta ad essere mangiato crudo, ricchissimo di nutrienti quali vitamine, enzimi, oligoelementi, aminoacidi essenziali; è facile da digerire, è privo di scarti poiché si utilizza per intero, è gustoso, è facile da preparare e conservare, ed è anche molto economico poiché dà un'ottima resa.
Capito bene cosa sono i germogli?..in questi piccoli cuccioli si racchiude uno scrigno di principi attivi..che ci aiutano..aiutano il nostro organismo..a stare bene e a sentirsi completi...
Io li metto a mollo in una piccola bacinella tutta la notte...poi la mattina li sciacquo..e li metto in una bustina di cotone o di lino..che bagno 2 o 3 volte al giorno. Non ho voluto comprare il germogliatore, perchè mi son trovata bene con questo metodo..e devo dire che funziona benissimo..
insomma dopo averli messi in questa piccola bustina...loro si ammorbidiscono e piano piano comincia a germogliare...e vedrete che bello vedere le varie trasformazioni...
Vi lascio un po' di nozioni..su quali semi far germogliare...provate provate provate
 proprietà dei semi:

I germogli di crescione contenogono in notevole quantità Calcio, Potassio,
Iodio, Ferro e Fosforo. Hanno proprietà depurative e di controllo degli
zuccheri.

Ricchissimi di potassio e altri sali minerali, i germogli di finocchio hanno
proprietà digestive, stimolanti e diuretiche.

Grano saraceno
Sono ricchissimi di potassio, fosforo, calcio e lecitina che abbassa il
livello di colesterolo (LDL) dannoso per l'organismo.Ottimi per anemia e
infezioni, rafforzano l'intestino e stimolano l'appetito. La rutina,
bioflavonoide contenuto nei germogli di grano saraceno, rafforza i capillari e
migliora e diminuisce la pressione sanguigna.

I germogli di lino sono ottimi antiossidanti e ricchi di principi che
favoriscono un'azione disinfettante e ricostituente sull'organismo. Sono molto
ricchi di proteine (20-25%), Omega-3, calcio, ferro, megnesio, fosforo,
potassio e forniscono tutti gli aminoacidi essenziali. I germogli di lino
forniscono una buona quantità di fibra con effetti benefici sul sistema
digestivo ed aiutano a combattere i problemi di stipsi e ad abbassare il
livello di colesterolo nel sangue. L'Omega-3 ha ottime proprietà anti-
infiammatorie e abbassa la pressione del sangue. Sono semi piccoli e sviluppano
facilmente una membrana di mucillagine.

I germogli di rucola hanno proprietà antiossidanti e rafforazano il sistema
immunitario. Per il loro gustosissimo sapore bene si accompagnano a molti altri
alimenti.

Conosciuti come "seme miracoloso", i germogli di soia abbassano il livello di
colesterolo e prevengono problemi di pressione alta. Hanno un elevatissimo
contenuto proteico (40 %) e sono molto ricchi di numerosi sali minerali.

I germogli di girasole aiutano la salute di denti e ossa, di tessuti e muscoli 
e l'equilibrio del sistema nervoso. Ricchissimo di fosforo, calcio, potassio, 
magnesio, il girasole contiene molte proteine (30%) e molta vitamina D, 
difficile da assimilare tramite gli ortaggi.
I germogli di lenticchia hanno un elevato contenuto proteico (25%) e di sali 
minerali (Ca, Fe, Mg, K, Fe, Se, Zn, Na). Sono inoltre ricchissime di enzimi e 
di vitamine. Molto apprezzati per il loro valore nutritivo e sapore. 

I germogli di cece sono ricchissimi di aminoacidi essenziali e dei minerali di 
ferro e calcio. Sono particolarmente indicati per combattere l'anemia e nelle 
diete iperproteiche perchè garantiscono un elevato apporto nutritivo. Hanno un 
gradevole sapore simile alla nocciola. 

I germogli di fieno greco hanno un elevato contenuto proteico 23% e di sali 
minerali (Ca, Fe, Mg, K, Na, P, Z). Per la loro capacità di favorire la 
digestione vengono consumati da soli od insieme ad alri germogli. Assumono 
inoltre un sapore diverso se fatti crescere in luce diretta o meno. 


I germogli di erba medica sono quelli più ricchi e completi. Contengono tutte 
le vitamine fondamentali e moltissimi sali minerali oltre ad un elevatissima 
quantità di proteine (35%), tutti gli aminoacidi essenziali ed otto enzimi 
essenziali per la digestione. 

Nessun commento: