mercoledì 29 settembre 2010

Nostro?

sta piovendo come un matto...ne butta veramente giù tanta...
Questa sera riflettevo sulla parola "nostra"..
Ho avuto un piccolo battibecco con Lui...poi la distanza molte volte non aiuta..e da una pagliuzza, ci si ritrova in un fienile...
La parola nostra...a me vien facile da pronunciare..o meglio..penso che ciò che ho a casa..ciò che abbiamo comprato insieme..ed anche quelle no..ma che comunque condividiamo...siano nostre...
Mi spiego meglio:
Casa è la mia..ma non penso sia mia..( certo a livello di carta si) ma penso che sia di entrambi...perchè abbiamo progettato un sacco di cose..abbiamo girato negozi..e ci abbiamo speso del tempo...tempo che oltre a darci la possibilità di conoscerci meglio...ci ha anche permesso di vivere una cosa nuova, importante..
e che ci ha dato la possibilità di vivere la storia, anche sotto il punto di "convivenza".
Quando progetto il salotto, o penso alla camera..penso anche a Lui..perchè forse nella mia testa c'è la voglia che un giorno ci sia anche Lui in quegli spazi.. Quando compro gli asciugamani..li prendo blu e rosa..e non lo faccio a caso..e così per mille altre cose che ho fatto e farò...
Ma in tutto questo mi dico che forse sto sbagliando...Sto sbagliando forse perchè dovrei pensare alle mie cose..senza dar peso a Lui..
Tutto questo pensare..mi è venuto..quando al telefono..è scappato un "Tua casa"..e non è la prima volta..
Si è anche accorto..e ciò ha fatto tirare ancora di più i nervi..La parola Nostra..a me viene fluida..e mi piace molto..mi sa molto di unione, di condivisione..di cosa forte e salda..
Non so perchè Lui..non veda questa cosa..semplice..perchè dica tuo, e mio...lo vedo come una barriera...che forse non si senta le cose sue?Non saprei..o forse non bisogna forzarsi se non ci si sente di dire..
Giusto come dice : "Non bisogna fermarsi alle parole, ma sono i fatti che contano"..ma continuo a domandarmi..se effettivamente..ciò che io do per scontato ..forse non è scontato per Lui..
Mi dispiace..essere pignola..o forse prendermela per questo..ma non sento più quella differenza..mio e suo..cioè..per certe cose si..ma per casa..ecco forse non riesco a concepirlo..lo vedo come un punto di distacco..
Nostro/a..è una di quelle parole che a me riempie da morire..che mi fa sentire legata..e sicura..da un senso di appartenenza..doppia ed uguale..un bel Nodo che tiene salde le due parti ed è in mezzo..nostro mette un confine con il mondo esterno e non tra noi..
Voi cosa ne pensate?..
vedremo il tempo..cosa dirà...ma da qui in avanti comincio a fare scelte solo in funzione alla mia persona..Ci riuscirò?  

2 commenti:

Ellys...o meglio Martina ha detto...

Penso che il tuo pensare per due sia il segno distintivo che vuoi una vita in due, vuoi costruire qualcosa con lui...ed è bello sentirti così emozionata anche nelle piccole cose comprare gli asciugamani di due colori diversi...Non salterei alle conclusioni troppo velocemente, forse lui era sovrappensiero, forse si perita un pò a chiamarla "la nostra casa" perchè effettivsmente non l'ha comprata lui e quindi si sente come in debito...Io continuerei a comportarmi come stai facendo tu, pensando per due. Dai che il viaggio si avvicina! Un abbraccio!

Estrellinha ha detto...

Ciao Marty...hai ragione..anche perchè io non riesco a comportarmi..in un modo quando il cuore dice altro..
comunque..sto facendo il conto alla rovescia e..non vedo l'ora di essere a bologna...un abbraccio buona giornata!!!