martedì 20 luglio 2010

telefono, telefonini e chiacchierate..

..ricordo con molta lucidità quando chiamavo le mie compagne di scuola..componendo i numeri al telefono di casa, inizialmente c'era quello con la rotella che ogni tanto ( non a casa mia) aveva il lucchetto, per non permettere di chiamare...poi si è passato a quello con i tasti, per arrivare ai famosi telefoni portatili, che davano un netto taglio ai fili portati per tutta casa..( soprattutto per non farsi sentire)  ...poi ricordo il primo cellulare di mio padre...pesantissimo..che si doveva tenere dentro una borsetta enorme...io il mio "mattoncino" l'ho ricevuto a 14 anni...dieci anni son passati e penso che sia stato ed è tutt'ora un abuso continuo...sto incominciando a disabituarmi..anche perchè ,salvo in rari casi, ecco si parla troppo per dire poco e niente che non ci possa impedire di vedere quella persona...talvolta penso che il telefono sia una scusa e un buon mezzo per posticipare e dar fine a vari tipi di cose...
Facile dire addio,ti amo, ti voglio o ti desidero attraverso un messaggio...chissà se anche questo è una tra le tante cose che ha reso noi uomini un po' pigri in tutto...

Nessun commento: